La formazione degli operatori telefonici, in ottica di motivazione e risultati
2711
post-template-default,single,single-post,postid-2711,single-format-standard,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.0.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Formazione degli operatori telefonici

La formazione degli operatori telefonici: motivazione e risultati

Perché é necessaria una formazione continua e mirata per un lavoro complesso come quello dell’operatore telefonico

Quello del consulente telefonico è un ruolo molto complesso, ma estremamente importante per moltissime aziende: richiede, infatti, una serie di capacità eterogenee, che necessitano di continuo sviluppo.
Alcune delle caratteristiche richieste ad un operatore telefonico sono:

  • una forte motivazione,
  • predisposizione alle relazioni interpersonali
  • attitudine al problem solving
  • spiccate capacità relazionali e comunicative

Lo sanno bene i responsabili dei contact center, consapevoli che é difficile trovare tutte queste caratteristiche in un singolo candidato: infatti, le selezioni prevedono una serie di prove psico-attitudinali più o meno complesse.

Per lo stesso motive, le aziende hanno studiato periodi di formazione che, a seconda delle attività, variano da 2 giorni a 4 settimane, prima di mandare i propri operatori sul campo.
Ad esempio, noi svolgiamo per i nostri operatori inbound, che ricevono le chiamate, 9622 ore di formazione all’anno in aggregato tra i diversi gruppi di lavoro.
Per il canale outbound invece, cioé per quelli che effettuano chiamate, sono previste 5000 ore annuali che settimanalmente corrispondono circa a 21 ore complessive.

Una formazione variegata per un lavoro eterogeneo

Da una parte è vero che gli operatori che ricevono o effettuano chiamate, hanno uno “script” da rispettare; dall’altra, la maggior parte degli operatori che devono gestire clienti o prospect, devono essere pronti ad improvvisare e ad adattarsi alle singole circostanze.

Proprio per l’eterogeneità delle competenze richieste, una delle caratteristiche fondamentali per un operatore è sicuramente la rapidità di apprendimento.
Entrati in un contact center si impara innanzitutto a gestire le persone.
Vengono fatti corsi ad hoc su diverse tematiche:

  • la voce per rassicurare il cliente
  • l’ascolto attivo dei problemi dei consumatori
  • la gestione dell’ansia in situazioni di stress
  • la gestione del rifiuto
  • il coinvolgimento delle persone in una telefonata
  • le abilità di concentrazione, le capacità organizzative, le abilità di ascolto
  • la capacità di autocontrollo
  • le conoscenze informatiche

Una formazione degli operatori telefonici continua per risultati migliori

I best performer in un contact center sono quelli che riescono a gestire chiamate di qualità, che portino anche risultati concreti.

Uno dei rimedi che molte aziende del settore hanno trovato per gestire il tema “turn-over” è l’utilizzo di continui incontri formativi ad hoc e briefing operativi, nei quali si condividono le migliori pratiche da utilizzare per migliorare i propri risultati e si approfondiscono temi ancora poco acquisiti, sui quali ci si sente meno sicuri.

Anche per questo è fondamentale il ruolo del team leader, insegnante delle tecniche di vendita e vero coach motivazionale.

Per questo la formazione continua è una delle chiavi del successo dei migliori contact center: in questo modo le risorse si sentono motivate e stimolate a migliorare e, così si ottengono buoni risultati e si accresce la fiducia e la confidenza nel proprio lavoro.
Hai altre idee sulla tipologia di formazione necessaria in un contact center? Vuoi sapere nel dettaglio la tipologia di formazione che é opportuno adoperare per ogni operatore? Contattaci.

Linetech Italia - Blog - Formazione Operatori Telefonici - Infografica

No Comments

Post A Comment